responsabilità d’impresa

In che modo i team ISS stanno cambiando la vita delle persone con disabilità 

ISS ES Juan window ISS iberia

Applicando l’approccio che tiene conto del buon senso e sempre impegnata verso la diversità, ISS Spagna sta dando lavoro – e indipendenza – a centinaia di persone con disabilità, mostrando che un ambiente di lavoro in cui ciascuno può apportare il proprio contributo non è solo un atteggiamento ma una vera e proprio politica.

Oggi, Juan Martinez è un esperto lavavetri presso ISS Spagna, dove fa parte di un’efficiente squadra responsabile della pulizia di una banca di Madrid. Ma solo pochi anni fa Juan era disoccupato e alla disperata ricerca di un lavoro. Il problema era che Juan soffre di perdita di memoria a breve termine. È perfettamente in grado di imparare a svolgere un lavoro; semplicemente è incapace di ricordare se l’ha fatto oggi. 

Quando Juan è stato assunto da ISS Spagna, la sua responsabile, Brigida Maldonado, ha trovato una soluzione semplice, ossia un sistema che utilizza fascette di gomma sulle maniglie delle porte per segnalare che Juan ha pulito una stanza. Per Juan, l’opportunità offertagli da ISS e Brigida ha avuto un effetto positivo sulla sua vita. 

“Quando hai un lavoro, ti senti molto meglio. Ti senti utile. Avere un lavoro ha influito molto positivamente sulla mia vita. Sono contento di lavorare in un'azienda in cui mi sento a mio agio. Sono più felice e rilassato di prima”, dichiara.

Parte della cultura 

Juan è una delle quasi 2.000 persone con disabilità che lavorano presso ISS Spagna, circa il 5,5% della forza lavoro. Ben oltre il livello del 2% stabilito dalla legge, ma ancora al di sotto dell’obiettivo dell'azienda fissato al 6,1% – la stessa percentuale di persone disabili della popolazione in età lavorativa.  

Secondo Eulalia Devesa, Social Corporate Responsibility Director, in ISS Spagna diversità significa raggiungere target o obiettivi. È il risultato di un approccio che stimola e sostiene in misura consistente una cultura che include persone con background e abilità diverse. 

“Il nostro primo obiettivo è includere chiunque, in quanto persona. Costruire un ambiente di lavoro inclusivo, in cui le persone possano connettersi, sentirsi valorizzate e portare il proprio contributo è semplicemente parte della nostra cultura, e qualcosa di cui tutti qui si sentono orgogliosi. Sì, abbiamo e mettiamo in atto obiettivi, politiche e processi, ma è l’impegno nei confronti della diversità e inclusione in tutto lo spazio lavorativo che li guida”, afferma Eulalia. 

Il nostro primo obiettivo è includere ognuno in quanto persona – fa semplicemente parte della nostra cultura.

Eulalia Devesa, Social Corporate Responsibility Director, ISS Spagna
Il potere dell’empowerment 

Questa cultura sta producendo un effetto significativo. Fundación Once, il più grande gruppo di sostegno per le persone con disabilità in Spagna, e PriceWaterhouseCoopers hanno recentemente portato a termine una ricerca tesa a misurare l’impatto che l’occupazione può avere sulle persone con disabilità. 

Nell’ambito dello studio, a diversi collaboratori con disabilità presso ISS Spagna è stato chiesto di valutare la loro qualità di vita (QoL) su una scala 1-100. In media, i collaboratori totalizzavano un punteggio di qualità di vita pari a 68,2 prima di iniziare a lavorare per ISS. Tale valore saliva a 85 – un aumento del 15,6% – dopo aver iniziato a lavorare con noi. I miglioramenti più significativi e apprezzabili riguardavano lo sviluppo personale, il benessere emozionale, il reddito e l’interazione sociale.  

“I risultati rivelano semplicemente l’effetto che può avere il fatto di lavorare sull’autostima, la fiducia e il senso di benessere di una persona”, afferma Eulalia. “Molti di noi danno queste sensazioni per scontate, ma se veniamo privati dell’opportunità di lavorare non ci sentiamo più né utili né motivati. È molto gratificante far parte di un'azienda e cultura che aiuta in questo senso.” 

Dare a più persone uno scopo e l’opportunità di contribuire 

Oggi ISS Spagna collabora strettamente con Fundación Once e altre istituzioni per garantire una buona integrazione e formazione per tutti i collaboratori. E, come spiega Eulalia, ci sono molti collaboratori di ISS che contribuiscono a far sentire le persone benvenute e parte del team. 

“Stiamo costantemente rivedendo i nostri processi per garantire che funzionino per tutti i collaboratori”, afferma. “La comunicazione è un buon esempio. Quasi 300 nostri colleghi sono sordi o hanno gravi problemi di udito, per questo abbiamo bisogno di adeguare il modo in cui comunichiamo. Abitualmente, è solo una questione di buon senso – aggiungere sottotitoli ai video informativi, per esempio. Il punto è fare in modo che tutti si sentano inclusi e abbiano l’opportunità di contribuire.” 

Rimani aggiornato

Iscriviti per ricevere gli ultimi insight di ISS. Puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Iscriviti qui

Storie di persone, di luoghi e del pianeta

LE PERSONE COSTRUISCONO I LUOGHI

Più di 60.000 clienti in più di 30 paesi